Plafond Casa: agevolazioni per l'acquisto di casa

Riuscire ad ottenere un mutuo per acquistare un’abitazione è spesso difficile, se non impossibile, sia per i vincoli imposti dalle banche nella valutazione della solvibilità dei clienti (a tal propositi potete leggere questo post) sia per i tassi di interesse richiesti. Per consentire ai cittadini di poter acquistare un’abitazione ottenendo un mutuo a tassi agevolati è stata messo in atto il piano denominato Plafond Casa.

Nato nel novembre dello scorso anno e messo in atto con un stipulato tra la Cassa Depositi e Prestiti e l’Associazione Bancaria Italiana, il piano ha come obiettivo  finanziare l’acquisto di abitazioni residenziali mediante l’erogazione di mutui a tasso agevolato, garantiti da ipoteca, nonchè la ristrutturazione di edifici al fine di migliorarne l’efficienza energetica. Per tale scopo la Cassa Deposito e Prestiti erogherà la somma di 2 miliardi di Euro alle banche che hanno aderito all’iniziativa proprio per la concessione dei mutui. Successivamente investirà una somma pari a 3 milioni di Euro per l’acquisto dei bond emessi dalle banche stesse, che a loro volta si impegneranno ad utilizzare tale liquidità proprio per l’erogazione dei mutui. 
Il 7 gennaio di quest’anno il piano è diventato operativo e le banche che sino ad ora hanno aderito all’accordo sono: Banca Agricola Popolare di Ragusa, Banca Carige, Banca Monte dei Paschi di Siena, Banca Popolare dell'Emilia Romagna, Banca Popolare di Sondrio, Banca Popolare di Vicenza, Banco di Credito P. Azzoaglio, Banco di Credito Popolare, Banco Popolare, Binter- Banca Interregionale, Bnl-Bnp Paribas, Cariparma – Credit Agricole, Cassa di Risparmio di Ravenna, Credito Valtellinese, Extrabanca, IntesaSanpaolo, Iccrea Banca, Ubibanca, Unicredit.
Secondo quanto previsto dall’accordi i mutui sono finalizzato all’acquisto di abitazioni residenziali che, secondo la normativa vigente in materia di risparmio energetico, sono classificate nelle categorie A, B e C oppure all’acquisto e successiva ristrutturazione finalizzata a migliorare la classificazione energetica. Potranno inoltre essere concessi anche per i soli interventi di miglioramento energetico. 
La domanda di accesso al mutuo può essere effettuata da tutti ma verrà data priorità alle giovani coppie (coniugi o conviventi che abbiano costituito il nucleo familiare da almeno due anni, in cui almeno uno abbia un’età non superiore ai 35 anni e l’altro ai 40 anni), alle famiglie numerose (ossia quelle con tre o più figli) o quelle in cui sia presente una persona disabile.  
I finanziamenti concessi saranno rimborsabili in 10, 20 oppure 30 anni e gli importi massimi concedibili sono distinti a seconda della finalità per cui vengono erogati. In particolare:
  • Euro 100.000 per gli interventi di ristrutturazione con accrescimento dell’efficienza energetica; 
  • Euro 250.000 per l’acquisto di un’abitazione senza interventi di ristrutturazione;
  • Ero 350.000 per l’acquisto di un’abitazione con interventi di ristrutturazione per l’accrescimento dell’efficienza energetica 
I finanziamenti concessi avvalendosi del Plafond Casa dovranno in ogni caso avere un tasso di interesse inferiore a quelli offerti dagli istituti bancari, ai quali dovrà essere presentata la domanda e che cureranno l’istruzione della pratica.
Questa misura dovrebbe, oltre ad aiutare i cittadini ad acquistare un’abitazione per il proprio nucleo familiare, dovrebbe avere un effetto positivo anche sul mercato immobiliare, agevolando acquisti e vendite di case e muovendo un mercato in calo ormai da qualche anno. 

Ora si dovrà solo aspettare per verificare se il Plafond Casa sarà effettivamente uno strumento di aiuto al cittadino oppure se non farà altro che agevolare gli istituti di credito, permettendo una maggior disponibilità finanziaria.    

Condividi questo post, se questo post ti è stato utile. Usa i pulsanti qui sotto e seleziona mi piace. Se vuoi conoscere i nuovi articoli sottoscrivi i miei feed.

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari