Cosa sono i Buoni Fruttiferi Postali

Tra le varie forme di risparmio possibili, si possono trovare soluzione che coprono tutta le possibilità di rischio: da quelle che hanno percentuale di rischio elevatissima a quelle molto sicure, e per rischio si intende la possibilità di perdere il capitale investito. Tra quelle più sicure si possono annoverare sicuramente i Buoni Fruttiferi Postali.  

In effetti i Buoni Fruttiferi Postali sono probabilmente tra gli investimenti più sicuri dal momento che è sempre garantita la restituzione del captale investito e degli interessi maturati.
Sono titoli emessi dalla Cassa Depositi e Prestiti, quindi garantiti dallo Stato Italiano, quindi totalmente garantiti. Oltre alla certezze di non perdere quanto investito ci sono altre caratteristiche che rendono il buoni un investimento appetibile, a partire dalla molteplicità di tipologie esistente sino alla possibilità di ritirare il capitale in qualsiasi momento senza alcuna decurtazione sullo stesso o sugli interessi sino a quel momento maturati.
L’unico canale presso cui è possibile acquistare i buoni fruttiferi è quello di Poste Italiane, sia attraverso gli sportelli fisicamente presenti sul territorio sia attraverso il canale web, e possono essere acquistati in formato cartaceo oppure, come si dice in gergo, dematerializzati ossia viene acquistato solamente il titolo senza avere la disponibilità del buono vero e proprio. Attraverso gli stessi canali è possibile anche ottenere il rimborso dei buoni che si possiedono.    
Altro vantaggio di questo tipo di titoli è il fatto che possono essere acquistati per importi limitati (a partire da €.50,00) e sono esenti da spese o commissioni, fatte salve le imposizioni fiscali. In particolare i rendimenti dei Buoni Fruttiferi Postali sono sottoposti ad una ritenuta fiscale pari al 12,5% e, se non superano il valore di €.5.000 di rimborso, non sono soggetti ad imposta di bollo.
Come dicevamo esistono molte tipologie di Buoni Fruttiferi, sia per il tipo di tasso di rendimento applicato , sia per la durata sia per le persone a cui sono rivolti. 
Possiamo avere quindi dei Buoni con tasso di rendimento fisso, tasso variabile oppure misto, quindi con una componente fissa e una variabile. Per quanto riguarda la durata dell’investimento, può variare da un minimo di 18 mesi sino ad un massimo di 20 anni.
Oltre ai titoli dedicati a tutte le persone maggiorenni, ve ne sono due tipologie dedicate ai minori e precisamente: 
  • Buoni Fruttiferi Postali “Dedicati ai minori": questi sono dedicati ai giovani con un’età compresa tra gli 0 e i 16 anni e mezzo. La scadenza è fissata al compimento del 18° anni del minore, per cui la durata varierà a seconda del momento in cui viene attivato. Con questa forma di risparmio possono essere acquistati Buoni Fruttiferi e accreditati al minore in qualunque momento. Questo tipo di buoni può essere acquistato esclusivamente in formato cartaceo;
  • Piano di Risparmio Piccoli e Buoni: anche questo tipo di risparmio è dedicato ai minori. Qui il piano di accumulo è automatico in quanto i buoni vengono acquistati in maniera automatica e continuativa attraverso il libretto postale o il conto BancoPosta di colui che lo attiva. Anche questo è rimborsabile al compimento del 18° anno di età del ragazzo ed è vendibile solamente in forma dematerializzata. 

Quindi, sostanzialmente, si può affermare che i Buoni Fruttiferi Postali sono una buona forma di investimento, priva di rischi e sufficientemente flessibile. Certo non bisogna aspettarsi di avere rendimenti da capogiro ma di questi tempi difficilmente ne troveremo.

Condividi questo post, se questo post ti è stato utile. Usa i pulsanti qui sotto e seleziona mi piace. Se vuoi conoscere i nuovi articoli sottoscrivi i miei feed.

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari